Piero Antonio Toma

benvenuti

curriculum

foto

giornali
e riviste

libri

biografie

wikipedia

Piero Antonio Toma
Piero Antonio Toma
Piero Antonio Toma
piero antonio toma
Piero Antonio Toma
Piero Antonio Toma
 

Piero Antonio Toma

    giornalista professionista

Piero Antonio Toma, giornalista professionista e memorialista. 

  Precoce (15 anni) l'esordio nel protogiornalismo come corrispondente di numerosi quotidiani e settimanali dal suo paese d'origine nel Salento (Tuglie, Lecce, 20.3.1935). Nel 1962 si laurea presso l'Universitá di Napoli in Scienze Politiche con una tesi (la prima in Italia) sulla Cina comunista con 110/110. 
  Alla fine del 2005, insieme con altri appassionati del libro, ha fondato la casa editrice "Compagnia dei Trovatori".
 Nel 2015 il Comune di Tora e Piccilli gli conferisce la Cittadinaza Onoraria per il suo saggio "Il silenzio dei giusti. Napoli 1943. Il ritorno degli Ebrei".

Attivitá giornalistica
  Ha collaborato a numerosi quotidiani da Il Mattino al Corriere della Sera (illustrato) a Il Sole-24 Ore, dove é rimasto per una ventina d'anni. Attualmente collabora a La Repubblica.
  Ha fondato e diretto numerosi periodici, come "La Gazzetta della Campania", "Napoli Guide" e la prima testata di quartiere a Napoli, "Vomero News", e "Léggere Leggéro", il primo mensile per la diffusione del libro.
  Un premio alla carriera di giornalista e di saggista dell'informazione gli é stato conferito il 12 aprile 2003 a Reggio Calabria con il Trofeo Pepé Caminiti.
  Il 15 ottobre del 2006, alla XXXII edizione del Premio Nazionale Pompei di narrativa e di poesia, gli é stato conferito il Premio, con medaglia d'oro, di benemerito della cultura 2006.
  L'11 novembre dello stesso anno gli é stato assegnato il Premio Palizzi 2006 per la cultura.
  Nel 2008 gli é stato conferito il Trofeo Megaris alla carriera come "giornalista culturale" autore di pubblicazioni e libri indirizzati ad esaltare la cultura storica e artistica di Napoli e della Campania.
  Nel 2011 gli é stato conferito il premio "Cosimo Fanzago" per la sua attivitá di giornalista. 

Libri
  Ha scritto fra gli altri, poesie, racconti ("Tuglie, storie di un paese", edizioni Gallina 1979), un romanzo storico "Il tesoro di Pescocostanzo", Di Tella Pescara 1991 (e la cui seconda edizione per i tipi della Compagnia dei Trovatori vede la luce nell'agosto 2007) e numerosi saggi, fra i quali: "Renato Caccioppoli - L'Enigma", Esi 1992 (seconda edizione nell'ottobre 2004); "L'avventura nella Stazione di Napoli - Anton Dohrn", Esi 1996, e "L'uomo dei numeri - Carlo Ciliberto", Colonnese 2001 (seconda edizione nel settembre 2004). Fra gli ultimi due ha pubblicato "Giornali e Giornalisti a Napoli 1799-1999", Grimaldi, 1999 e, con il titolo "Letteratura e informazione", un contributo nel volume "Arte e Storia di Napoli", a cura di Filomena Maria Sardella, Bonechi,  Firenze, 1999.
  Ad ottobre 2002 per i tipi di Graus editore ha curato "Cronache napoletane", un volume collettaneo di storia e di cronaca sugli ultimi trent'anni di Napoli (nel gennaio 2003 il volume é uscito in seconda edizione).
  Nel gennaio 2004 ha pubblicato "Cronache metropolitane - Viaggio nella Provincia di Napoli dal 1995 al 2003", Graus editore; nel dicembre dello stesso anno "Il silenzio dei giusti - Napoli 1943. Il ritorno degli Ebrei", Grimaldi & C. Editori, presentato nel marzo 2006 a Gerusalemme, Tel Aviv ed Haifa.
  Nel 2006 pubblica "Napoli sotto il cielo 1920-1960", e "Napoli e la Compagnia del Gas, due secoli insieme", editi da La Compagnia dei Trovatori. Il secondo dei due titoli ha avuto la seconda edizione nel luglio 2007.
 Alla fine del 2009 ha curato e prefato per la Treves "Effetto domino - Dieci autori in cerca di un romanzo", la prima prova narrativa della letteratura italiana ad essere firmata da dieci romanzieri.
  Alla fine del 2010 sono stati pubblicati, per la Compagnia dei Trovatori, un saggio firmato insieme con Ermanno Corsi "Il nostro Novecento - Due giornalisti a confronto" e l' "Almanacco napoletano di scrittori e poeti 2011" e, con Vittorio Bongiorno, un'agenda letteraria del 2011 dal titolo "Almanacco napoletano di scrittori e poeti" di ieri e di oggi.
 Nel settembre 2011, per la Compagnia dei Trovatori, cura una raccolta di testi, "Naufragi". Nel dicembre 2011 pubblica, con Vittorio Bongiorno, l'agenda "Almanacco napoletano di scrittori e poeti" edita dalla
Compagnia dei Trovatori.
  Nel 2011 é tornato a cimentarsi con la poesia scrivendo i versi prima di "Acqua" e poi di "Vieni donna del sud," la prima é un appello ad una piú equa distribuzione dell'acqua fra popoli ricchi e poveri per evitare guerre e pestilenze; la seconda é un invito di accoglienza a tutte le donne che abitano suddite e infelici nei sud del mondo.
  Entrambe le poesie sono state musicate e interpretate dal cantautore Lino Blandizzi, e poi inserite nel suo ultimo cd "Il mondo sul filo". In piú "Acqua" é allegata al romanzo ambientalista "Tra le onde i giorni dimenticati" di Monica Zunica (Compagnia dei Trovatori Edizioni).
  Nel 2012 torna a collaborare con Blandizzi scrivendo prima i versi di “Salvate Venere, salviamo Venere”, un accorato appello perchè vengano tenuti piú da conto i beni culturali italiani (musei, biblioteche, emeroteche, centri culturali, gallerie, ecc.) e poi quelli di “é la nostra notte farsi altrove giorno”, un mix di parole e musica dedicato allo tsunami del non saper che fare dei giovani d’oggi, costretti fra l’inanitá in casa dei genitori e l’andarsene altrove.
 Seguono le altre poesie-canzoni "Con un Paese nel cuore sul treno del tempo" (2014, un diario che racconta a volo d’uccello le vicende degli uomini di questo Paese che, nonostante tutto, guarda ancora al futuro), "Il buongiorno del caffé" (omaggio alla bevanda preferita dai napoletani e ai bar che disegnano una nuova e piú affascinante geografia della cittá e il cui cd é inserito nel libro di racconti di 25 autori pubblicato nel giugno 2015 dalla Compagnia dei Trovatori dal titolo "Caffé di Napoli"). Infine "Non voglio piú vedere il mare" (2015, composta dopo i continui eccidi di bambini, di donne e di vecchi migranti che si consumano nel Mediterraneo, teatro di morte).
 Nel maggio 2013 pubblica, presso Editori Internazionali Riuniti, il suo libro di racconti "La ragazza che leggeva Gesualdo Bufalino"
 Nel 2015 (con Ermanno Cosi) pubblica con l’editore Grimaldi il saggio "Quirinale amori e passioni", un divertito e divertente viaggio attraverso oltre mezzo millennio di storia sui vezzi e i malvezzi degli inquilini del Quirinale, edificio delle istituzioni per antonomasia, dai 23 Papi-Re, ai quattro sovrani Savoia e ai 12 presidenti della Repubblica (piú i dieci supplenti).
 Nel 2016 pubblica con Guida Editori i saggi "Dal Mezzogiorno al Mediterraneo, il lungo tempo della rinascita", un'agile carrellata a mo' di instant book, dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, su ciò che lo Stato ha fatto e non ha ancora fatto nel Mezzogiorno, e "Donne al potere in Italia e nel mondo" (insieme con Ermanno Corsi), 23 ritratti non solo politici, ma umani. Con la Compagnia di Trovatori pubblica "Napoli in love" (come curatore).
 Nel 2017 pubblica, per la Compagnia dei Trovatori "Cronache di un paese con abitanti", terzo libro dedicato a Tuglie.
Napoli, gennaio 2017

 

PROFILO

 

Giornalista
professionista

Direttore
di riviste e agenzie

Scrittore

Autore di biografie

Via Tito Lucrezio Caro, 20 - 80138 Napoli
tel  081 5753975    fax 081 2154159
email info@pieroantoniotoma.it

 

servizi web